Indietro

Osservatorio Nazionale Sharing Mobility

Osservatorio Nazionale Sharing Mobility

Immagine news

Il Politecnico di Milano entra a far parte - da luglio 2019 - dell’Osservatorio Nazionale Sharing Mobility promosso dal Ministero per l'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e dalla Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile.

L'obiettivo dell'Osservatorio è di creare e sostenere un tavolo permanente di cooperazione e condivisione sulla sharing mobility composto non solo dagli operatori della sharing, ma anche da  diversi stakeholder in rappresentanza del mondo  istituzionale,  industriale, commerciale, accademico e della ricerca.

Istituito nel 2015, l’Osservatorio pubblica ogni anno dal 2016 un Rapporto Nazionale sulla Sharing Mobility, al fine di fare il punto sullo stato dell’arte della mobilità condivisa in Italia. Secondo i dati dell'edizione 2018, il numero di servizi dedicati a queste nuove forme di mobilità è in continua crescita, coinvolgendo ormai oltre 5 milioni di cittadini italiani (un milione in più rispetto al 2017). I servizi di sharing sono sempre più sostenibili grazie ad un aumento del numero di veicoli elettrici in circolazione, dovuto principalmente al boom dello scooter sharing.

Milano, in particolare, si conferma a livello nazionale come la città della sharing mobility, anche se ad oggi, sono già 271 i Comuni in cui è attivo almeno un servizio di mobilità condivisa, il 57% dei quali si trova al Nord. Sempre secondo i dati dell’Osservatorio, significativi anche i numeri del car pooling aziendale, i cui iscritti sono in continuo aumento e con un  numero di viaggi  quasi quadruplicato rispetto all’anno scorso. Tra le ultime tendenze, l’affermazione del nuovo mercato digitale degli aggregatori, servizi che permettono la pianificazione degli spostamenti incrociando l’offerta dei servizi di trasporto pubblico locale e di mobilità condivisa.

Infine, il recente decreto del Ministero delle Infrastrutture e Trasporti ha dato il via alla sperimentazione nei Comuni di nuove soluzioni di micromobilità: sono quindi in arrivo monopattini, hoverboard, segway e monowheel per coprire il cosiddetto “ultimo miglio”.

Questi dati sono stati presentati nel corso della III Conferenza Nazionale sulla Sharing Mobility del 27 giugno 2019, occasione in cui è stata citata anche la best practice del Politecnico, ossia la firma di 16 convenzioni da parte dell’Ateno con aziende operanti nell’ambito della sharing mobility (attività in capo al Servizio Sostenibilità di Ateneo).

Il Rapporto completo è disponibile al seguente link.