Convenzioni

 

Convenzioni del Politecnico nell'ambito della Sharing Mobility

 

Nell'ambito delle attività di Mobility Management - svolte dal Servizio Sostenibilità di Ateneo - sono state stipulate convenzioni con molte delle società di sharing mobility presenti sul territorio milanese. Auto, scooter, bici e anche pullman possono essere condivisi con vantaggi per tutti, contribuendo ad una mobilità più sostenibile.

Le convenzioni sono state siglate con le seguenti aziende:

BikeMiBusforFunCar2goDriveNoweCooltra, enjoye-vaiFlixbusGogoBusGoOptiMimotoSharengoUbeeqoGoVoltTerravisionZigZag

Selezionando la società di interesse si viene reindirizzati ad una breve descrizione del servizio e delle agevolazioni riservate a tutta la popolazione del Politecnico.

Scarica le tabelle riassuntive di confronto tra le offerte delle diverse società convenzionate, divise per tipologia, per selezionare la soluzione più adatta alle tue esigenze:

 

 

 

Per qualsiasi dubbio contattare il Mobility Manager di Ateneo alla casella: mobility@polimi.it.

 

AUTO

MOTO

 

AUTOBUS

 

BICI

       

 


NewCarsharing freefloating.PNG

Premio AICA 2018

Premio AICA 2018

Immagine news

Sabato 17 novembre ad Alba (CN),  si è svolta la cerimonia finale dell'edizione 2018 del Premio AICA, l'Oscar della Comunicazione Ambientale, presso il Cortile della Maddalena (Sala Vittorio Riolfo). 

La cerimonia, moderata dall'ex giornalista Rai Beppe Rovera, autore e conduttore di "Ambiente Italia", trasmissione dedicata alla sostenibilità di Rai Tre, è stata introdotta dai saluti della Presidente di AICA, Emanuela Rosio e Roberto Cavallo, divulgatore ambientale.

Il premio prevedeva tre sezioni.

La prima,  "Comunicare con i cittadini fa bene all'ambiente", con lo scopo di portare all'attenzione del pubblico i temi della comunicazione ambientale. Il tema di quest'anno era "comunicare la sostenibilità delle città" che ha visto gareggiare 4 finalisti.

Tra i candidati finalisti - oltre al Politecnico di Milano per le sue azioni di mobilità sostenibile rivolte ai cittadini e ai lavoratori del campus - la Città di Bilbao, che ha vinto, per aver saputo trasformare un ambiente industriale in un punto di riferimento per le smart cities,  la Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile (Susdef) per le sue linee guida "Green City Network" e il lancio del Manifesto "La città futura", e infine l'Associazione GoGreen per l'iniziativa "Il Giardino di Betty" che prevede la creazione di parchi giochi per bambini, realizzati tramite pavimenti anticaduta generati da vecchie scarpe da ginnastica riciclate all'interno dei parchi di ospedali di città come Milano, Firenze, Roma, Genova.

Sempre per la prima sezione del Premio, la giuria popolare, attraverso la votazione online, ha espresso la propria preferenza per l'Associazione GoGreen (1° posto) e per il Politecnico di Milano (2° posto).

Per la categoria Comunicare i cambiamenti climatici, il premio è stato assegnato al Museo delle Scienze di Trento (MUSE) mentre per la categoria Premio alla Carriera Beppe Comin, è stato premiato Patrizio Roversi. 

 

Motivazione candidatura Politecnico di Milano

Il Politecnico di Milano, anche grazie ai suoi specifici corsi di studio, contribuisce alla creazione di una consapevolezza e di una cultura per la sostenibilità (innanzitutto attraverso la promozione degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile_SDGs).
Con il progetto "Città Studi Campus Sostenibile" (iniziativa congiunta con l'Università degli Studi di Milano del 2011) e con il più recente Progetto di Sostenibilità Ambientale di Ateneo avviato nel 2017, grazie anche al ruolo del Servizio Sostenibilità di Ateneo (operativo dal 2013), la comunicazione e la disseminazione ambientale rientrano a tutti gli effetti nella mission dell'Ateneo.
In tale contesto, numerose sono le iniziative realizzate (anche in collaborazione con partner esterni) che vedono il coinvolgimento non solo della numerosa popolazione politecnica (più di 50.000 persone), ma anche della cittadinanza.

Per contribuire a rendere le città più sostenibili, l'Ateneo realizza iniziative in molteplici ambiti, tra i quali:

-          mobilità: da alcuni anni in occasione della European Mobility Week organizza l'iniziativa Al Poli senza Auto, rivolta a tutto il personale dell'Ateneo; sono stati realizzati concorsi fotografici a tema per gli studenti, organizzate giornate per sensibilizzare l'intera popolazione sul tema della sicurezza in bici -  in collaborazione con FIAB - e sui vantaggi della sharing mobility, coinvolgendo tutti i principali stakeholder. Nel 2018 l'Ateneo ha anche collaborato con Cittadini per l'Aria per la realizzazione della Ciclostaffetta "Gambe all'Aria", percorso a tappe per le vie di Milano per misurare le polveri sottili; promuove la partecipazione a Milano Bike Challenge (il Politecnico ha conquistato il 2° posto a livello nazionale nel 2017), così come ad altre molteplici iniziative;

-          cambiamenti climatici: diverse sono le proposte specifiche realizzate negli anni, ad esempio anche durante il Festival dello Sviluppo Sostenibile, tra le quali: proiezioni di film e docufilm (ad es. Before the flood), realizzazioni di spettacoli (A qualcuno piace caldo), adesione a campagne quali "Mi illumino di meno" con attività partecipative che vedono il coinvolgimento attivo della popolazione politecnica;

-          rifiuti: sono state realizzate diverse campagne di sensibilizzazione sul tema della raccolta differenziata e avviati progetti per migliorare la raccolta stessa che coinvolgono attivamente anche i cittadini (ad es. progetto per la raccolta pile esauste, in collaborazione con un consorzio di raccolta e la municipalizzata milanese); l'Ateneo ha anche aderito a campagne e iniziative promosse da Legambiente (ad es. Puliamo il Mondo e Premio Innovazione Amica per l'Ambiente).

In un'ottica di dematerializzazione, le attività di comunicazione sono veicolate principalmente attraverso il sito web CSCS e i social network collegati e condivise da altri strumenti informativi, di Ateneo e non.

http://www.campus-sostenibile.polimi.it/home

Locandina

Presentazione Polimi_SSA

 

 


SERR 2018. Il Politecnico ha partecipato con un flashmob

SERR 2018. Il Politecnico ha partecipato con un flashmob

Immagine news

 

Il Politecnico di Milano, attraverso il Servizio Sostenibilità di Ateneo, in occasione della Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti_SERR 2018, ha realizzato il 20 novembre, un flashmob, che si è svolto in contemporanea anche presso l'Università di Bologna, con l'obiettivo di creare consapevolezza sul tema della raccolta differenziata e sulle azioni che possono essere intraprese per prevenire la produzione dei rifiuti.

L'iniziativa, nata in seno al Gruppo di Lavoro Rifiuti della RUS - Rete delle Università per lo Sviluppo Sostenibile a cui partecipano 45 Atenei sui 59 della Rete e coordinato da Università di Bologna e Politecnico di Milano, ha visto anche la collaborazione di Legambiente e ha portato alla realizzazione di un video, quale testimonianza della giornata.

In seguito a un'indagine svolta nel 2018 presso gli Atenei aderenti al GdL Rifiuti RUS è emersa la necessità di incrementare le attività di sensibilizzazione e informazione sul tema della gestione rifiuti per creare una reale consapevolezza rispetto alle azioni che ciascun componente della comunità universitaria può compiere.

Grazie al flashmob realizzato nei due Atenei, si è voluta verificare la propensione verso comportamenti virtuosi. Ognuno di noi, con piccoli gesti quotidiani, può contribuire al miglioramento della raccolta differenziata, ma soprattutto, contribuire alla riduzione dei rifiuti.

L'iniziativa - da una parte ha evidenziato la propensione a comportamenti virtuosi - dall'altra la necessità di proseguire nel difficile processo avviato dagli Atenei RUS per incrementare gli strumenti e le infrastrutture per agevolare la transizione verso il cambiamento dei comportamenti.

Insieme alle dichiarazioni e testimonianze del Delegato al Progetto di Sostenibilità Ambientale, Eugenio Morello, del Prof. Mario Grosso, del Responsabile del Servizio Sostenibilità di Ateneo, Eleonora Perotto, del Responsabile per la Lombardia di Legambiente, Barbara Meggetto, il video del Politecnico raccoglie le interviste ad alcuni studenti dell'Ateneo che, prontamente, hanno raccolto una bottiglietta di plastica lasciata a terra, riponendola correttamente nel contenitore riservato alla plastica. 

Lo stesso giorno, presso la Casa dell'Acqua, installata in occasione della Giornata Mondiale dell'Acqua (22 marzo 2018), presso i giardinetti di Via Pascal – nei pressi del Campus Bassini - per contribuire alla riduzione delle bottiglie di plastica in circolazione, si è voluto verificare quante persone, in una specifica fascia oraria, vi si recano a rifornirsi di acqua. 
Sono molti infatti gli utenti dell'Ateneo che usufruiscono di questa opportunità: tra questi, studenti, personale tecnico amministrativo e docenti. Anche alcune di queste testimonianze sono state raccolte nel video disponibile a questo link.

 

 

 

 


Decennale SERR. Presentate le proposte del GdL "Rifiuti" RUS

Decennale SERR. Presentate le proposte del GdL "Rifiuti" RUS

Immagine news

In occasione del decennale della Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti_SERR il Comitato promotore della SERR in Italia - composto dal capofila AICA, CNI Unesco come invitato permanente, Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, Utilitalia, ANCI, Città Metropolitana di Torino, Città Metropolitana di Roma Capitale, Legambiente, Regione Sicilia - ha organizzato un evento speciale a Roma il 5 dicembre 2018, presso l'Auditorium del Ministero dell'Ambiente.

La SERR, ricordiamo, rappresenta la principale campagna di informazione e sensibilizzazione dei cittadini europei sull'impatto della produzione di rifiuti sull'ambiente.

Per l'occasione, a Roma, oltre ai rappresentanti del Comitato promotore, sono intervenuti i protagonisti che in questi anni hanno reso possibile la SERR. Inoltre, gli Action developer - in rappresentanza delle categorie Scuole, Associazioni, Cittadini - hanno dato vita a un vero e proprio Parlamento Cittadino. Sono state avanzate proposte e presentate testimonianze sul tema della riduzione dei rifiuti e della loro migliore gestione in viarie realtà. Le interviste e gli interventi degli action developer sono stati raccolti in un video disponibile a questo link. 
Inoltre le testimonianze e le proposte degli Action Developer, presenti e non, durante il Parlamento Cittadino, sono state raccolte in una  Pubblicazione, disponibile in formato pdf, consegnata al Ministro Costa. 

Tra le numerose realtà presenti, anche il Gruppo di Lavoro Rifiuti della RUS - Rete delle Università per lo Sviluppo Sostenibile - coordinato da Università di Bologna e Politecnico di Milano -  GdL cui partecipano 45 Atenei sui 59 della Rete. Per il Politecnico era presente Eleonora Perotto, Responsabile Servizio Sostenibilità di Ateneo.

Quali proposte dalle Università?

Per rendere sempre più concreta l'attuazione della circular economy ed in linea con gli obiettivi di sviluppo sostenibile - SDGs dell'Agenda 2030 (in particolare SDG 12), è emersa la necessità che la normativa e anche il mercato evolvano rapidamente per consentire, soprattutto in realtà quali le università, di mettere in atto comportamenti virtuosi.

Sono stati individuati, a questo scopo, alcuni ambiti di intervento prioritari:

1. Emanazione di un testo di legge che consenta:

• l'allungamento della vita utile dei beni degli Atenei (RAEE in primis), rendendo la preparazione per il riutilizzo dei propri rifiuti non soggetta ad autorizzazione (no scopo di lucro, ma risparmio di denaro pubblico);

• la possibilità di raccogliere rifiuti prodotti da terzi, introducendo una gestione «in deroga» per talune tipologie di rifiuti raccolte in aree di proprietà degli Atenei accessibili al pubblico (ad es. raccolta pile, farmaci, tappi di plastica, cialde di caffè);

• il conferimento diretto in stazione ecologica o in impianto di recupero, di rifiuti propri non pericolosi, prodotti da uffici pubblici e privati tramite mezzo non iscritto all'Albo Nazionale Gestori Ambientali;

• l'introduzione della figura del waste manager oltre certe soglie dimensionali e di produzione di certi quantitativi/tipologie di rifiuti.

2. Regole comuni, almeno a livello regionale, per la gestione dei rifiuti degli Atenei potenzialmente "assimilabili".

3. Adeguamento del bando CONSIP per la raccolta e smaltimento rifiuti presso gli Atenei.

4. Introduzione di obblighi di legge per i produttori di vending machine che consentano la riduzione dei rifiuti prodotti (ad es. stop all'installazione di distributori di bevande calde che non consentano di utilizzare la propria tazza/bicchiere).

Si sottolinea infine che, proprio da un'indagine svolta nel 2018 presso gli Atenei aderenti al GdL Rifiuti RUS, è emersa la necessità di incrementare le attività di sensibilizzazione e informazione sul tema della gestione dei rifiuti per accrescere la coscienza sulle azioni che ciascun componente della comunità universitaria può compiere, ma anche evitare.

Con questa consapevolezza, nel corso della SERR 2018, al Politecnico di Milano, è stato quindi realizzato un flashmob, svoltosi in contemporanea anche presso l'Università di Bologna, in collaborazione con Legambiente, e che ha portato alla realizzazione di un video divulgativo.

Programma

Relazione presentata dal GdL "Rifiuti" RUS

Video Polimi-Rus

Proposte degli Action Developer_Pubblicazione

 


Premiazione Milano Bike Challenge 2018

Premiazione Milano Bike Challenge 2018

Immagine news

 

In occasione della premiazione del 15 febbraio 2019, sono stati resi noti gli esiti della  Milano Bike Challenge 2018 che ha visto il Politecnico di Milano classificarsi al secondo posto.  

Alla presenza dei vertici di FIAB - organizzatore in Italia della manifestazione -  e dei referenti delle aziende e istituzioni premiate, si è svolta la cerimonia ufficiale di premiazione  presso  Hug (via Venini 83 Milano) luogo tradizionalmente legato a  eventi dedicati al mondo della bicicletta. Per il Politecnico era presente il Mobility Manager, Eleonora Perotto.

Di seguito la classifica:

Federico Malucelli, professore ordinario di Fondamenti di ricerca operativa, afferente al Dipartimento di Elettronica, Informazione e Bioingegneria, si è classificato al 1° posto sulla città di Milano, quale Top Commuter (per il maggior numero di giorni, in cui ha adottato la bicicletta quale mezzo di trasporto per i suoi spostamenti).
Il prof. Malucelli, a livello di Ateneo, si è classificato quale Miglior commuter (numero di giorni casa-lavoro in bici), Miglior Ciclista ( numero di pedalate) e Miglior ciclista uomo (numero di chilometri percorsi).

Paola Villani (Pta, DICA) ha conquistato il titolo di Miglior ciclista donna (numero di chilometri percorsi) e ha vinto il Premio Fedeltà  per la sua adesione alla manifestazione negli ultimi anni. 

Patrick Bamonte (docente del Dipartimento Elettronica, Informazione e Bioingegneria) si è classificato come Miglior nuovo ciclista (numero di chilometri percorsi). 

Eleonora Perotto (Pta e Mobility manager d'Ateneo): ha ottenuto il riconoscimento di Miglior ambasciatrice. 

Come noto, Milano Bike Challenge è la sfida amichevole tra aziende e istituzioni, che nasce per incoraggiare i dipendenti ad adottare la bicicletta quale mezzo di trasporto sia per recarsi al lavoro sia durante il tempo libero. È inoltre parte del programma internazionale Love to Ride per promuovere la diffusione dell'uso della bicicletta. 

Condizione per la partecipazione è pedalare, dove si vuole, per almeno 10 minuti, dal 15 settembre al 31 ottobre.

Si ringraziano tutti i partecipanti POLIMI che hanno pedalato nel corso della competizione 2018, con l'augurio che continueranno a crescere coloro che decideranno di aderire alle prossime edizioni di Milano Bike Challenge.

Attestato

 


ClassificaBC2018.PNG

BIKEChallenge.pdf.jpg

Fotodigruppo.jpg

Event1

Event3

Sostenibilità e missione sociale dell’Università

Sostenibilità e missione sociale dell’Università

Immagine news

La Sostenibilità può rappresentare un'opportunità per rilanciare la missione sociale delle università?

Decisamente sì. E per almeno otto buoni motivi, illustrati nell'intervento del Prof. Eugenio Morello - Delegato al Progetto di Sostenibilità Ambientale del Politecnico di Milano - dal titolo "Atenei sostenibili in otto mosse" pubblicato il 5 febbraio 2019 su Buone Notizie L'impresa del bene,  il settimanale del Corriere della Sera dedicato alle storie, alle energie e alla creatività del Terzo settore.

Il contributo del Prof. Morello parte dalla considerazione che raggiungere i 17 Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (Sustainable Development Goals_SDGs) individuati dall'Agenda 2030 delle Nazioni Unite nel 2015, rappresenti oggi una vera sfida per le università, il cui impegno sociale e ambientale è cresciuto sensibilmente negli ultimi anni.

Sfida che può essere meglio colta grazie anche all'adesione a network di collaborazione attraverso i quali gli atenei promuovono e condividono progetti di ricerca, didattica innovativa, nonché esortando le proprie comunità accademiche ad adottare stili di vita più sostenibili.
Tra questi network va citato innanzitutto  l'International Sustainable Campus Network_ISCN cui aderiscono 90 atenei di 30 paesi.
Dal 2013 in Italia è attiva invece la Rete delle Università per lo Sviluppo Sostenibile_RUS, istituita in ambito CRUI, della quale fanno parte oggi 62 atenei.
Il Politecnico di Milano è socio membro di entrambi i network.

 

Vai all'articolo: Atenei sostenibili in otto mosse

 

 

 

 


ateneisostenibili.PNG.jpg

SDGs.jpg

Buone Notizie.pdf

1 of 1

DelegatoSostenibilita


Società a 2000 Watt nelle città svizzere

Società a 2000 Watt nelle città svizzere

Immagine news  

Ridurre l'uso di energia del 60% e coprire il fabbisogno restante con fonti rinnovabili: una sfida che si sta portando avanti in Svizzera.

E' proprio questo tipo di esperienza che verrà analizzata nell'ambito della Conferenza - organizzata in occasione del lancio della XV^ edizione dal Master RIDEF 2.0 (Dipartimento di Energia del Politecnico di Milano)  - con il supporto del Servizio Sostenibilità di Ateneo.

Dal 2008, il Comune di Zurigo, a seguito del referendum approvato dal 75% degli elettori, ha inserito nello Statuto comunale l'obiettivo di ridurre l'uso di energia del 60% e coprire il restante fabbisogno con fonti energetiche rinnovabili (società a 2000 Watt pro-capite). Più recentemente, in seguito al referendum del 21 maggio 2017, l'elettorato svizzero ha approvato la nuova legge sull'energia. 
Per approfondimenti: Strategia energetica 2050 elaborata dal Consiglio federale svizzero.
L'Italia è pronta per la sfida?  
 
La Conferenza prevede i contributi di:
 
Cédric Jeanneret - Energy Transition Expert Azienda Energetica di Ginevra (SIG) - che affronterà il tema della riduzione nell'uso dell'energia attraverso casi studio, programmi tecnici e di finanziamento attuati dalle Utility locali;

Silvia Zamboni - giornalista e membro del Comitato Scientifico dell'Ecoistituto dell'Alto Adige - illustrerà le attività in corso nel Comune di Zurigo; 

Eleonora Perotto - Responsabile Servizio Sostenibilità del Politecnico di Milano - illustrerà alcune iniziative promosse dell'Ateneo; 

Lorenzo Pagliano - Direttore del Master RIDEF 2.0, responsabile Italiano del progetto Affordable Zero Energy Buildings - analizzerà la stretta relazione tra edifici e città e il tema della sufficienza energetica.

Modera Gianni Silvestrini, già Direttore del Master e Direttore scientifico del KyotoClub.

A conclusione, seguiranno gli interventi di alcuni studenti dell'ultima edizione del Master che presenteranno una selezione dei lavori svolti durante l'anno di corso sul tema della pianificazione energetica e della mobilità. 

Iscrizioni online su: www.ridef2.com

Possibilità di partecipazione in streaming. Per informazioni: info@ridef.it
 

 

 


Società a 2000 Watt nelle città svizzere (2).jpg

FotoRIDEF_2018.jpg

Event2