Premio Innovazione Amica dell’Ambiente

Premio Innovazione Amica dell’Ambiente

Immagine news

Nel corso della cerimonia di premiazione del Premio Innovazione Amica dell'Ambiente, che si è svolta il 14 novembre 2017, presso l'Acquario Civico di Milano, Legambiente ha assegnato sette premi (uno per ogni categoria prevista) e sette menzioni speciali. Si tratta di 14 realtà che hanno messo a punto innovazioni di prodotto, di processo, di servizi, di sistema, tecnologiche e gestionali che hanno dimostrato di contribuire a significativi miglioramenti orientati alla sostenibilità ambientale.

aa

ggg

nnnn


seminario22settembre2017

LA MOBILITÀ  SOSTENIBILE NEL TURISMO E NEL TEMPO LIBERO. ESPERIENZE INTERNAZIONALI, NAZIONALI, REGIONALI

 

Nell'ambito della 16^ edizione della Settimana Europea della Mobilità è stato organizzato il Seminario "La mobilità sostenibile nel turismo e nel tempo libero. Esperienze internazionali, nazionali, regionali" allo scopo di analizzare alcuni progetti e casi di particolare interesse. Esperienze che testimoniano come si possano valorizzare specifici territori grazie a una particolare attenzione agli aspetti di programmazione, costruzione e gestione delle infrastrutture per la mobilità sostenibile, nonché alle politiche e strategie di sviluppo territoriale e rigenerazione urbana.

Accanto all'illustrazione di progetti da parte di docenti e ricercatori dell'Ateneo si sono affiancate le testimonianze dirette di chi concretamente sta operando in questa direzione, per la promozione di un turismo lento, rispettoso del paesaggio attraversato, delle tradizioni locali, del patrimonio storico-architettonico. 

 

22 settembre 2017

9.00 - 13.00

Sede Milano Città Studi, Via Ampère, 2 - Aula IV

Politecnico di Milano
 

 
 
8.30 - 9.00 | Registrazione partecipanti
9.00 |Saluti Eleonora Perotto, Maria Licia Zuzzaro| Servizio Sostenibilità di Ateneo

Apertura lavori e coordinamento |Rossana Gabaglio| Dipartimento Architettura e Studi Urbani| Politecnico di Milano

Valorizzare i Territori con progetti di mobilità sostenibile

Infrastrutture cicloturistiche come progetto di territorio. Il caso VENTO
Paolo Pileri| Responsabile scientifico progetto| Dipartimento Architettura e Studi Urbani| Politecnico di Milano

Strategie e tecnologie per la mobilità sostenibile. Cycling city project: l'esperienza di Copenhagen
Maria Pilar Vettori |Dipartimento Architettura, Ingegneria delle Costruzioni e Ambiente Costruito| Politecnico di Milano

Mobilità dolce e turismo culturale: esperienze nei Paesi emergenti
Maria Cristina Giambruno |Dipartimento Architettura e Studi Urbani |Politecnico di Milano

10.45 – 11.00 | Pausa

Le iniziative: viaggi alla scoperta dei territori in treno, in bici, a piedi

Discovery Train TRENORD: la Lombardia a portata di treno
Leonardo Cesarini| Direttore Commerciale Trenord

Quando la vacanza sulle Alpi si fa in mobilità dolce
Debora Sanna| Responsabile Comunicazione Cooperazione Internazionale Alpine Pearls

Idee, visioni e strumenti per una rete di mobilità dolce nel Mediterraneo
Roberto Greco | Presidente DMO Internazionale Mediterranean Pearls

Cicloturismo in Italia: alcuni progetti della rete FIAB Bicitalia
Michele Cremonesi| Vice Presidente Associazione FIAB Milano Ciclobby Onlus

Il turismo lento e sostenibile dei cammini, paradigma del turismo responsabile
Alberto Dragone | Responsabile coordinamento settore Percorsi, Terre di Mezzo editore, Componente Consiglio Direttivo AITR

12.40 - 13.00 | Dibattito e chiusura lavori

 

 

Il Seminario ha ottenuto i seguenti accreditamenti:

N. 4 CFP da parte dell'Ordine degli Architetti PPC della Provincia di Milano
N. 3 CFP da parte dell'Ordine degli Ingegneri della Provincia di Milano.

Per informazioni e iscrizioni:
Servizio Sostenibilità di Ateneo: e-mail: mobility@polimi.it

 


DOCUMENTI SCARICABILI

Hai le pile scariche?

Hai le pile scariche?

Immagine news

In occasione della Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti  (SERR 18-26 Novembre) entra nel vivo il progetto pilota sviluppato dal Politecnico di Milano (Servizio Sostenibilità di Ateneo), in collaborazione con ERP Italia (tra i primi Sistemi Collettivi in Italia in termini di raccolta di rifiuti di apparecchiature elettriche, noti come RAEE, e di rifiuti di pile e accumulatori) e AMSA (Comune di Milano), volto a sensibilizzare la popolazione politecnica e più in generale la cittadinanza, sui temi della raccolta differenziata. 

In particolare, l'attenzione è rivolta a pile e accumulatori portatili esausti (rifiuti identificati con l'acronimo RPA), per la raccolta dei quali sono stati collocati 25 contenitori nelle due sedi milanesi del Politecnico: 17 nella sede storica di Città Studi e 8 nella sede di Milano Bovisa. I contenitori sono caratterizzati da una livrea che li rende facilmente individuabili così da permettere di raccogliere e gestire correttamente questi rifiuti, che si ricorda essere costituiti da pile, pile a bottone, pacchi batteria o accumulatori sigillati, trasportabili a mano (rientrano quindi in questa categoria: pile stilo, mini stilo, a bottone, oltre a quelle presenti in molteplici Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche (AEE) come le batterie dei cellulari, degli orologi, nei giocattoli, ecc.). Non sono quindi oggetto della raccolta le altre due categorie rientranti ex lege nelle RPA: accumulatori per veicoli (batterie o accumulatori utilizzati per l'avviamento, l'illuminazione e l'accensione) e pile o accumulatori industriali (pile o accumulatori progettati esclusivamente a uso industriale o professionale, o utilizzati in qualsiasi tipo di veicoli elettrici). I contenitori saranno svuotati periodicamente o a chiamata, in caso di saturazione anticipata, da operatori qualificati ed autorizzati alla gestione di tali rifiuti e, quindi, trasportati ai centri di trattamento ai fini del successivo riciclaggio e recupero.

Studenti, personale e cittadini, conferendo pile o accumulatori portatili negli appositi contenitori creati per l'iniziativa, potranno contribuire al corretto riciclo di un rifiuto ancora oggi gestito troppo spesso non correttamente, dimostrando un impegno concreto per la tutela dell'ambiente.

 

   

Se avviato a corretto trattamento, un quantitativo pari a 100 kg di pile permette infatti di ottenere circa 30 kg di acciaio, 40 kg di materie prime pronte per l'industria dei Metalli (Mn e Zn), 10 kg di Plastiche miste recuperabili (PE, PVC, ecc..).

Si segnala inoltre che nell'ambito del progetto pilota ERP Italia sostiene un tirocinio presso il Politecnico - Servizio Sostenibilità per monitorare e analizzare i risultati ottenuti e per contribuire alla diffusione della cultura del riciclo, in ottica circular economy.

Si ricorda infine che ERP Italia, insieme ad altri Sistemi Collettivi, ha reso disponibile un servizio per la raccolta e il successivo trattamento a scopo di riciclo degli RPA portatili anche presso i centri di raccolta comunali ed i punti vendita: è quindi possibile disfarsi degli RPA gratuitamente e senza obbligo di acquisto di nuove Pile e Accumulatori.

 

 

FOCUS DI APPROFONDIMENTO

Conosci la differenza tra RAEE e RPA?

L'acronimo RAEE identifica i Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche ovvero, qualsiasi prodotto, giunto a fine vita, che, per esercitare la propria funzione principale, dipende da correnti elettriche o campi elettromagnetici (ad esempio: frigoriferi, condizionatori, ferri da stiro, TV, telefonini, PC, orologi, giocattoli elettrici, elettroutensili, consolle).

Quando decidiamo di disfarci dei nostri RAEE abbiamo due possibilità: possono essere conferiti presso le isole ecologiche organizzate dai Comuni su tutto il territorio nazionale (per maggiori informazioni: Centro di Coordinamento RAEE www.cdcraee.it) o possono essere consegnati ai distributori a fronte dell'acquisto di una nuova apparecchiatura equivalente.

Per i RAEE di piccolissime dimensioni (sotto i 25 cm) è oggi possibile anche il conferimento gratuito ai grandi distributori di AEE (oltre 400 m2), senza obbligo di acquisto di nuovi prodotto equivalenti. È indispensabile gestire correttamente i RAEE, per la tutela degli ecosistemi, evitando di abbandonarli nell'ambiente, ma anche per consentire l'attuazione delle logiche della circular economy, evitando di conferirli come rifiuto indifferenziato, destinato a smaltimento e non a recupero.

L'acronimo RPA identifica i Rifiuti di Pile e Accumulatori, che la legge divide in 3 tipologie:

  • pile o accumulatori portatili: le pile, le pile a bottone, i pacchi batteria o gli accumulatori sigillati, trasportabili a mano e che non costituiscono pile o accumulatori industriali, né batterie o accumulatori per veicoli (ad esempio le pile stilo, mini stilo, a bottone, oltre a quelle presenti in molteplici AEE come le batterie dei cellulari, degli orologi, nei giocatoli);
  • batterie o accumulatori per veicoli: le batterie o gli accumulatori utilizzati per l'avviamento, l'illuminazione e l'accensione;
  • pile o accumulatori industriali: le pile o gli accumulatori progettati esclusivamente a uso industriale o professionale, o utilizzati in qualsiasi tipo di veicoli elettrici.

ERP Italia, insieme ad altri Sistemi Collettivi, ha reso disponibile un servizio per la raccolta e trattamento degli RPA portatili presso i centri di raccolta comunali e i punti vendita. Ci si può disfare degli RPA gratuitamente e senza obbligo di acquisto di nuove Pile e Accumulatori.

Con il nuovo progetto pilota avviato al Politecnico di Milano, si potrà inoltre approfittare degli appositi contenitori, facilmente individuabili, collocati nelle due sedi milanesi, per disfarsi delle pile o accumulatori portatili esausti.

Per qualsiasi dubbio o ulteriore informazione puoi contattare il Servizio Sostenibilità di Ateneo – Gestione dei Rifiuti di Ateneo: gestionerifiuti@polimi.it (Tel.02.2399.9247- 9368).

 

 

 

 

 


Veronica1ERP.jpg

Il Politecnico partner del Premio Innovazione Amica dell’Ambiente

Il Politecnico partner del Premio Innovazione Amica dell’Ambiente

Immagine news

Nel corso della cerimonia di premiazione del Premio Innovazione Amica dell'Ambiente, che si è svolta il 14 novembre 2017, presso l'Acquario Civico di Milano, Legambiente ha assegnato sette premi (uno per ogni categoria prevista) e sette menzioni speciali.

Si tratta di 14 realtà che hanno messo a punto innovazioni di prodotto, di processo, di servizi, di sistema, tecnologiche e gestionali che hanno dimostrato di contribuire a significativi miglioramenti orientati alla sostenibilità ambientale. 

Le 14 esperienze, selezionate tra le oltre 100 candidature pervenute da una Giuria tecnica che ha visto una cospicua partecipazione di rappresentanti del Politecnico, testimoniano quanto oggi la sostenibilità ambientale, l'innovazione e la capacità di applicarle in processi e percorsi industriale ed imprenditoriali di successo siano non solo possibili, ma rappresentino una chiave vincente sotto il profilo ambientale, sociale ed economico. 

Giunto alla quindicesima edizione, il premio aperto alle amministrazioni pubbliche, alle istituzioni scientifiche, agli istituti universitari, ai liberi professionisti e alle associazioni di cittadini, prevede le seguenti sette categorie: suolo, agricoltura e sistemi alimentari; mobilità sostenibile; abitare in comunità smart; edilizia e rigenerazione urbana; economia circolare; società benefit e benefit corporation; sistemi e comunità energetiche. 

    

 

Per l'edizione 2017 i premi sono stati assegnati a: 

Suolo, agricoltura e sistemi alimentari 
Premio: Green Code srl. DEMETRA - fitofarmaco totalmente naturale per il trattamento post raccolta della frutta, che stoppa la maturazione e allunga la vita dei prodotti ortofrutticoli sugli scaffali, abbattendo gli sprechi e i consumi elettrici.

Mobilità sostenibile 
Premio: Energica Motor Company SpA. Energica Motor Company S.p.A. è l'unica casa costruttrice di moto elettriche ad elevate prestazioni, le uniche al mondo con fast charge integrato. 
Menzione: Edisonweb. MVMANT è una soluzione di mobilità urbana intelligente che rappresenta la sintesi perfetta tra autobus e taxi: veicoli che circolano su linee fisse con servizio su richiesta. MVMANT è stato supportato dal programma europeo frontierCities e selezionato tra oltre 2200 candidature dal Dubai Future Accelerators. 

Abitare in comunità smart 
Premio: Comune di Barrali per la "La Grande sfida Riciclona", ideata per promuovere la raccolta differenziata e che ha come finalità comunicativa quella di premiare i cittadini che accettano di essere monitorati e che attuano comportamenti sostenibili.
Menzione: CasaNetural. Community che sviluppa progetti di innovazione sociale, condivide uno spazio di coworking, ospita professionisti e freelancer da tutto il mondo in coliving. 

Edilizia e rigenerazione urbana 
Premio: Tubus System Italia srl. Realizzazione di un nuovo tubo dentro quello esistente senza alcuna demolizione, senza disagi e senza generare macerie. La nuova tubazione, che ha una durata certificata di almeno 50 nni, è composta di un materiale plastico molto resistente, privo di Bisfenolo-A e riciclabile al 100%. 
Menzione: Catalyst srl. Sistemi per rigenerare il materiale inerte - prodotti Carrara-Block e Ri-Block derivati dal marmo rigenerato e dalla demolizione rigenerata. 

Economia circolare 
Premio: Iterchimica srl per un additivo innovativo che permette di produrre asfalto partendo al 100% da asfalto riciclato (proveniente dalla demolizione di pavimentazioni ammalorate o a fine vita), senza aggiunta di bitume o aggregati (ghiaia e sabbia) vergini, a temperatura ambiente invece di 180°, e con la possibilità di colorarlo con ossidi (mentre in precedenza era possibile colorare con ossidi solo gli asfalti fatti a 180°). 
Menzione: Cooperativa Sociale "Felici da Matti". Produzione di sapone solido ottenuto dal recupero di olio vegetale esausto con l'aggiunta di acqua e soda caustica, e una linea di detergenti per la casa ottenuti sempre da oli post consumo e aromatizzati con oli essenziali biologici di bergamotto, limone, citronella ed eucalipto. 
Mercatino srl. Applicazione della metodologia LCA (Life Cycle Assessment) nell'analisi della riduzione dell'impatto ambientale associato al riutilizzo di beni usati. 

Società Benefit e B Corp 
Nuova forma giuridica di impresa, introdotta in Italia con la legge 28 dicembre 2015, n. 208, commi 376-383 e allegati 4 – 5, vigilata dall'Antitrust, in cui è statutariamente prevista, sullo stesso piano del profitto, la generazione di benefici pubblici misurabili, in campo ambientale e sociale. 
Premio: Mondora srl sb. Cycle2Work è un progetto che permette di incentivare i colleghi all'utilizzo della bicicletta o dei piedi come mezzo di trasporto preferito per recarsi al lavoro. Dal punto di vista finanziario il collega può decidere di utilizzare il rimborso chilometrico prodotto nel viaggio casa-lavoro per l'acquisto di una bicicletta. 
Menzione: Nativa srl sb. Better Product è una piattaforma collaborativa che mette a sistema tutti gli attori che contribuiscono allo sviluppo del prodotto per valutarne e migliorarne gli impatti ambientali e sociali fin dalla fase di design e in ottica di ciclo di vita del prodotto. Attraverso questo strumento l'innovazione tende rapidamente verso livelli sempre più alti di sostenibilità e qualità. 

Sistemi e comunità energetiche 
Premio: ForGreen Spa. WeForGreen Sharing nasce per unire le persone attorno alla produzione e al consumo di energia rinnovabile senza il bisogno di installare un impianto sul tetto della propria casa. In WeForGreen si può essere soci Autoproduttori o soci Consumatori. I primi, acquistando quote di impianti, producono e consumano energia rinnovabile e la cooperativa gli restituisce ogni anno un ristorno proporzionale al numero di quote sottoscritte. I secondi possono consumare nelle proprie abitazioni energia 100% rinnovabile ad un prezzo vantaggioso da mercato all'ingrosso. 
Menzione: Teon srl. TINA e RETINA sono pompe di calore idrotermiche, elettriche, ad alta temperatura per la produzione di riscaldamento «rinnovabile»: RETINA rappresenta la versione reversibile, in grado di produrre anche il raffrescamento estivo.

 

I partner dell'edizione 2017 del Premio di Legambiente, oltre al Politecnico di Milano, sono Fondazione Cariplo, Fondazione con il Sud, Fondazione RIUSO, Fondazione Sodalitas, Fondazione UPS, Fondazione Lombardia per l'Ambiente, Chimica Verde BIONET, CONAI, Consiglio Nazionale degli Architetti, Kyoto Club, IEFE Bocconi, Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa, Symbola. Media partner: Tuttogreen - La Stampa. 

Per maggiori informazioni:
www.legambienteinnovazione.org

Scarica la brochure del Premio


platea.jpg

DGLega.jpg

legambiente_premio_innovazione-compressed.pdf

1 of 23

ImmginePremio.GIF

Legambiente2017


Premio all'Innovazione Amica dell'Ambiente

Premio all'Innovazione Amica dell'Ambiente

Immagine news

Ha preso il via la 15^ edizione del Premio all'Innovazione Amica dell'Ambiente, istituito nel 2001 da Legambiente in partnership con il Politecnico di Milano. 

Come nelle precedenti edizioni il bando si rivolge principalmente alle imprese che producono beni o erogano servizi.
La partecipazione, gratuita, è aperta anche alle amministrazioni pubbliche, alle istituzioni scientifiche, agli istituti universitari, ai liberi professionisti e alle associazioni di cittadini.

Gli ambiti di interesse del bando sono:
Suolo, agricoltura e sistemi alimentari
Mobilità sostenibile
Abitare in comunità smart
Edilizia e rigenerazione urbana
Economia circolare
Società benefit e benefit corporation
Sistemi e comunità energetiche

Chi intenda partecipare al Premio con un proprio intervento/progetto, trova le modalità di partecipazione sul sito web: www.legambienteinnovazione.org.

Domanda e scheda tecnica dovranno pervenire alla Segreteria Organizzativa di Legambiente (anche online) entro il 15 maggio (nuova scadenza). Per ulteriori informazioni: Tel. 02 97699301.

Il Politecnico di Milano, quale istituzione partner del Premio, può segnalare a Legambiente docenti ed esperti rispetto ai temi indicati nel bando che volessero candidarsi per la Giuria del Premio. Sarà compito della Giuria valutare i progetti inviati (stimati in un numero variabile tra i 100 e i 200 in totale) in base ai criteri definiti nel bando da Legambiente.

I progetti premiati e segnalati nelle edizioni precedenti sono riportati sul sito web del Premio
Coloro che fossero interessati a far parte della Giuria, a titolo volontario, sono invitati ad inviare la candidatura direttamente al Servizio Sostenibilità di Ateneo (serviziosostenibilita@polimi.it) entro il 10 aprile 2017.

Di seguito si riportano infine  le principali scadenze del Premio:

15 maggio chiusura del bando
30 maggio riunione di giuria (divisa per categorie) a Milano
13 luglio riunione di giuria con vincitori
14 novembre premiazione a Milano

 


eventi passati 2

Seleziona l'evento in archivio per accedere alle pagine:

 


DOCUMENTI SCARICABILI

2_SMITh GreenME.pdf

1 of 3

2_Milan Urban Metabolism Network.pdf

1 of 3

1_UseLess.pdf

1 of 2

Climathonbrochure.pdf

1 of 13

Survey on the mobility and commuting of Politecnico Academic and Administrative Staff

Survey on the mobility and commuting of Politecnico Academic and Administrative Staff

Immagine news

The survey on the mobility and commuting of Politecnico Academic and Administrative Staff will be online from 28 June until 05 august 2017

The General Directorate of Politecnico di Milano, in collaboration with the Mobility Manager of the University and the team dedicated to carbon management, has decided to start a new survey on the movements made by Academic and Administrative Staff to reach the Politecnico campuses.

This is a short, basic questionnaire to help draft the Piano Spostamenti Casa Lavoro (Home-Work Movement Plan); a document designed to promote a better and sustainable mobility, and that supports the University policies on Carbon Management. Activities in relation to this matter have been continuing for more than two years and, as a result, we would like to come up with a yearly CO2 emission mitigation plan for the University.

We therefore ask all Politecnico Academic and Administrative Staff to complete the on-line questionnaire, available under "Fill in the Questionnaire" in the 'Data' section on the Online Services Portal www.polimi.it/servizionline, from 28 June until 5 August 2017.

Thank you for your cooperation.

For any further need, please contact: mobility@polimi.it

On-Line Survey on Mobility - Edition 2015: comparing data 

Download the leaflet 


Survey on the mobility and commuting of Politecnico students

Survey on the mobility and commuting of Politecnico students

Immagine news

The General Directorate of Politecnico di Milano, in collaboration with the Mobility Manager of the University and the team dedicated to the carbon management, has decided to start a new survey about student movements to reach the campuses of Politecnico.

This is a brief basic questionnaire to draft the Piano Spostamenti Casa Università (Home University Movement Plan); it is a document designed to promote a better and sustainable mobility, able to support the University's policies on Carbon Management, in relation to what, from more than two years, there are specific activities and for which we would like to come up with a yearly CO2 emission mitigation plan of the University.

Therefore, we ask to all students enrolled in study programmes of Politecnico to answer to the on-line questionnaire, available on the Online Services Portal (www.polimi.it/servizionline) under "Fill in the Questionnaire ", in 'Data' section, from June  5 to  July  31 2017.

Thank you for your cooperation.

For any further need, please contact:
mobility@polimi.it

On-Line Survey on Mobility - Edition 2015: comparing data 

Download the leaflet