titolo

testo

Event1

BITRIDE_box.jpg

BITRIDE_box.jpg

BITRIDE.png

Premio all'Innovazione Amica dell'Ambiente

Premio all'Innovazione Amica dell'Ambiente

Immagine news

Ha preso il via la 15^ edizione del Premio all'Innovazione Amica dell'Ambiente, istituito nel 2001 da Legambiente in partnership con il Politecnico di Milano. 

Come nelle precedenti edizioni il bando si rivolge principalmente alle imprese che producono beni o erogano servizi.
La partecipazione, gratuita, è aperta anche alle amministrazioni pubbliche, alle istituzioni scientifiche, agli istituti universitari, ai liberi professionisti e alle associazioni di cittadini.

Gli ambiti di interesse del bando sono:
Suolo, agricoltura e sistemi alimentari
Mobilità sostenibile
Abitare in comunità smart
Edilizia e rigenerazione urbana
Economia circolare
Società benefit e benefit corporation
Sistemi e comunità energetiche

Chi intenda partecipare al Premio con un proprio intervento/progetto, trova le modalità di partecipazione sul sito web: www.legambienteinnovazione.org.

Domanda e scheda tecnica dovranno pervenire alla Segreteria Organizzativa di Legambiente (anche online) entro il 15 maggio (nuova scadenza). Per ulteriori informazioni: Tel. 02 97699301.

Il Politecnico di Milano, quale istituzione partner del Premio, può segnalare a Legambiente docenti ed esperti rispetto ai temi indicati nel bando che volessero candidarsi per la Giuria del Premio. Sarà compito della Giuria valutare i progetti inviati (stimati in un numero variabile tra i 100 e i 200 in totale) in base ai criteri definiti nel bando da Legambiente.

I progetti premiati e segnalati nelle edizioni precedenti sono riportati sul sito web del Premio
Coloro che fossero interessati a far parte della Giuria, a titolo volontario, sono invitati ad inviare la candidatura direttamente al Servizio Sostenibilità di Ateneo (serviziosostenibilita@polimi.it) entro il 10 aprile 2017.

Di seguito si riportano infine  le principali scadenze del Premio:

15 maggio chiusura del bando
30 maggio riunione di giuria (divisa per categorie) a Milano
13 luglio riunione di giuria con vincitori
14 novembre premiazione a Milano

 


First European Conference on Sustainable Mobility at Universities

First European Conference on Sustainable Mobility at Universities

Immagine news

Dall'8 al 10 marzo 2017 presso l'Universitat Autònoma de Barcelona si è tenuta la "First European Conference on Sustainable Mobility at Universities" – UMOB. Un'opportunità per condividere necessità, sfide e soluzioni praticate e praticabili nel campo dell'accessibilità e della mobilità sostenibile in ambito universitario. Il Convegno è stato un'occasione di confronto per il trasferimento di conoscenze e il networking tra università, europee e di oltreoceano, sulle pratiche di mobilità sostenibile.
Al convegno hanno preso parte mobility manager universitari, accademici, funzionari pubblici addetti alla mobilità urbana, ma anche imprenditori e imprese del settore, organizzazioni non governative, rappresentanti della società civile e studenti.

Si segnala in particolare che, nell'ambito dell'intervento sul tema "Best Practises in Italian Universities", tenuto dall'Università degli Studi di Bergamo, capofila del progetto UMOB, al quale hanno aderito diversi Atenei appartenenti alla Rete delle Università per lo Sviluppo Sostenibile, è stata illustrata l'indagine a livello nazionale - condotta nel 2016 dal Servizio Sostenibilità del Politecnico di Milano - sull'organizzazione delle attività di Mobility Management nelle università italiane.

Si segnala altresì che sono stati presentati gli esiti della prima indagine sulla Sharing Mobility nelle università italiane, effettuata nel 2016, cui ha partecipato anche il Politecnico di Milano, nell'ambito degli interventi tenuti dall'Università di Roma 3, cui afferisce il Coordinamento dei Mobility Manager Universitari Italiani, e della Università degli Studi di Milano Bicocca, capofila del gruppo di lavoro interuniversitario che ha curato le elaborazioni.  

Scarica le presentazioni

 Best practices in Italian Universities

  The survey on mobility practices

 


Settimana del Lavoro Agile

Settimana del Lavoro Agile

Immagine news

La Giornata del Lavoro Agile  fa progressi: per l'edizione 2017 si sviluppa infatti per un'intera settimana, dal 22 al 26 Maggio.

Il Politecnico di Milano è, come nelle tre edizioni precedenti, tra gli aderenti alla Settimana del Lavoro Agile promossa dal Comune di Milano, in linea con gli indirizzi di responsabilità sociale di impresa, nonché con le policy di mobilità sostenibile. 

Per Lavoro Agile si intende una modalità di lavoro che non richiede una postazione fissa in ufficio, consentendo di svolgere la propria attività lavorativa ovunque: da casa, da un ufficio decentrato, da qualunque sede che consenta lo svolgimento dell'attività professionale, prevedendo quindi una riorganizzazione di tempi e orari.

Nel corso della settimana, a Milano e dintorni, aziende private e Pubbliche Amministrazioni aderiscono all'iniziativa ampliando le possibilità lavorative ricomprendendo luoghi e attuando tempi differenti da quelli usuali (dal lavoro presso la sede più prossima alla propria abitazione, alla modifica della consueta fascia oraria di lavoro, fino ad arrivare al cosiddetto "home office"). 

Anche grazie alle nuove applicazioni tecnologiche il cosiddetto lavoro agile è già ampiamente praticato in altre nazioni e sta prendendo sempre più piede in Italia. Ricordiamo che il Consiglio dei Ministri ha approvato, nella seduta del 28/01/2016, il Disegno di Legge: Misure per la tutela del lavoro autonomo non imprenditoriale e misure volte a favorire l'articolazione flessibile nei tempi e nei luoghi del lavoro subordinato (collegato alla legge di stabilità 2016).  http://www.governo.it/articolo/comunicato-stampa-del-consiglio-dei-ministri-n102/4073).

Perché aderire alla Settimana del Lavoro Agile? Perché questa modalità contribuisce a una migliore conciliazione tra qualità della vita e attività lavorativa e consente di risparmiare tempo negli spostamenti, con conseguente minor stress, traffico e inquinamento atmosferico.


Per informazioni sulle modalità di sperimentazione presso il Politecnico di Milano è possibile inviare una mail a: lavoroagile@polimi.it o a serviziosostenibilita@polimi.it.

 


La mia idea di Mobilità Sostenibile

La mia idea di Mobilità Sostenibile

Immagine news

In occasione  dell'avvio della Settimana Europea della Mobilità (16 - 22 settembre)  il Politecnico di Milano ha lanciato il concorso fotografico "La mia idea di Mobilità Sostenibile".

Il concorso, riservato unicamente agli studenti del Politecnico di Milano regolarmente iscritti, alla data del 16 settembre 2017, ad un corso di laurea triennale, magistrale o a ciclo unico (LT, LM) scade il 19 novembre 2017 (nuova scadenza).
La partecipazione al concorso è libera e gratuita. In palio un monopattino modello Oxelo Town 9 offerto da Decathlon Milano Cairoli.

Ciascun partecipante dovrà inviare  entro il 19 novembre 2017 una foto che esprima la propria personale visione di mobilità sostenibile. La foto deve essere inviata via e-mail alla seguente casella di posta elettronica: concorsofotomobility@polimi.it.

 La presente competizione non è in alcun modo sponsorizzata, appoggiata o amministrata, né associata a Facebook.

Di seguito le nuove scadenze: 

Entro il 24 novembre 2017: selezione di 20 foto a cura della Giuria e pubblicazione su Profilo Facebook di Citttà Studi Campus Sostenibile    

Fino al 10 dicembre 2017: votazioni online  (attraverso like su FB) o tramite e-mail da parte del pubblico;

Mercoledì 13 dicembre 2017: premiazione vincitore.

   Regolamento  (2^ versione con aggiornamento scadenze)

   Iscrizione/Liberatoria

   Liberatoria soggetti fotografati

   Locandina

 Vai alla pagina conclusiva dell'evento


CONTEST FOTOGRAFICO

 

 

Con la premiazione di mercoledì 13 dicembre 2017, si è concluso il contest fotografico "La mia idea di Mobilità Sostenibile" destinato agli studenti del Politecnico di Milano - promosso e organizzato dal Servizio Sostenibilità di Ateneo - in occasione della Settimana Europea della Mobilità 2017 (16-22 settembre).  

La foto che ha ottenuto più like su Facebook, quindi vincitrice,  è la foto di Alessandro Azzolini che ha conquistato 88 likes.

La Giuria ha inoltre individuato, tra le foto pervenute, 2 foto meritevoli di menzione speciale: le foto di Matteo De Pascale e di Julia Shabanova.

Il contest fotografico è stato promosso con l'obiettivo di sollecitare la creatività ed  efficacia espressiva degli studenti e, al contempo, di sondare quali siano le modalità di trasporto che i giovani ritengono si possano configurare come "mobilità sostenibile".

Stime recenti indicano che entro il 2030, circa il 70% della popolazione globale vivrà nelle città, determinando l'80% della domanda totale di energia e il 70% delle emissioni globali di gas serra: diventa quindi fondamentale individuare modalità di trasporto alternative per contribuire a progettare città più smart o - come si definiscono oggi - Zero Emission Cities (ZEC).  

Il contest fotografico, seppur realizzato nell'ambito della Settimana Europea della Mobilità, si inserisce quindi nel quadro più ampio che vede impegnato anche il singolo individuo nel raggiungimento dei 17 obiettivi - Sustainable Development Goals_SDGs - che l'Assemblea Generale dell'ONU si è posta con l'Agenda 2030 (approvata a settembre 2015, sottoscritta anche dall'Italia), partendo dalla consapevolezza che il sistema in cui viviamo non è più sostenibile e va ripensato anche in chiave ambientale, sociale e culturale.

Tra le foto inviate dai partecipanti, diverse raffigurano persone in sella a una bicicletta, o la bicicletta stessa quale emblema di "veicolo pulito" e in grado di coprire buone distanze. Ma è anche emersa l'importanza della innovazione tecnologica applicata ai mezzi di trasporto (auto elettriche, ibride, ecc.). Senza trascurare, naturalmente, la possibilità di andare a piedi: modalità di spostamento sostenibile, laddove possibile, per eccellenza.  

 

 

Foto di Alessandro Azzolini - Risultata vincitrice (votazione oline)

Didascalia: "Durante il mio viaggio nei Paesi Bassi sono rimasto colpito dall'enorme quantità di biciclette parcheggiate nelle città e da quanti cittadini le usino per spostarsi anche per lunghe distanze. Sarebbe davvero positivo per il pianeta se più persone ovunque condividessero questa abitudine invece di utilizzare ogni giorno l'automobile".

 

 

 

Foto di Matteo De Pascale (Foto selezionata dalla Giuria)

Didascalia: "Nelle acque della baia di Cartagena de Indias si confronta il commercio locale e non sviluppato, rappresentato da un pescatore colombiano durante la sua battuta di pesca in barca a remi, con il moderno commercio globale, nella forma incombente di una grande portacontainer sullo sfondo. Logistica del passato e del futuro? Mobilità sostenibile e non? Se non siamo disposti a cambiare le nostre abitudini e gli standard di vita, di certo nessuna delle due opzioni è la soluzione. Forse, come qualcuno disse in passato, la sostenibilitá sta nel mezzo..."

 

    

 

Foto di Julia Shabanova (Foto selezionata dalla Giuria)

Didascalia: "Non importa come il nostro mondo cambierà nel futuro, i nostri piedi rimarranno per sempre un veicolo eterno".

 

Si ringrazia  Decathlon Cairoli Milano che ha donato un monopattino, modello Oxelo Town 9assegnato al vincitore.

 


matteo_depascale_mobilitàsostenibile.jpg.JPG

Julia_Shabanova_mobilitàsostenibile.jpg

alessandro_azzolini_mobilitàsostenibile.jpg

CHALLENGE

MOSTRA FOTOGRAFICA "Vita da studente: una sostenibile leggerezza"

Università Statale e Politecnico di Milano

Inaugurata il 9 novembre, in occasione dell'evento "La grande Milano: 10 idee per 100 anni", dedicato ai 100 anni di Città Studi, la mostra "Vita da studente: una sostenibile leggerezza" raccoglie le immagini vincitrici del challenge fotografico promosso nell'ambito del progetto Città Studi Campus Sostenibile.

Selezionate dalla giuria di esperti presieduta da Gianni Berengo Gardin, le prime 12 vincitrici e le oltre 60 con menzione speciale vedono gli studenti dei due Atenei interpretare i temi legati alla sostenibilità - People, Energy, Food and Health, Environment, Mobility e City - in modo originale e creativo, da veri #studentisostenibili.

Nello spazio-tempo di uno scatto "rubato" alla propria vita quotidiana, gli #studentisostenibili diventano interpreti e artefici di un racconto della sostenibilità che ha tutte le carte in regola per farsi realtà e cultura. 

Dopo la prima tappa in Statale dal 9 al 20 novembre, la mostra "Vita da studente" si trasferisce al Politecnico il 1° dicembre, presso le aule del Trifoglio di via Bonardi, dove saranno gli stessi studenti vincitori a raccontare e condividere con il resto della comunità universitaria il dietro quinte delle proprie foto.

Mostra fotografica "Vita da studente: una sostenibile leggerezza"

9-20 novembre – Università Statale di Milano
1-11 dicembre – Politecnico di Milano

SCARICA LA LOCANDINA

 

CHALLENGE FOTOGRAFICO "Vita da studente: una sostenibile leggerezza"

#studentisostenibili

Il challenge fotografico è un'iniziativa congiunta di Università Statale e Politecnico di Milano per promuovere una maggior consapevolezza sui temi della sostenibilità nei due Atenei. Tutti gli studenti sono invitati a inviare immagini che raccontino situazioni tipiche della loro vita quotidiana secondo i sei temi del progetto CSCS: People, Energy, Food and Health, Environment, Mobility, City.

Il challenge è riservato agli studenti dei corsi di laurea triennale e magistrale, dei dottorati di ricerca, delle scuole di specializzazione, inclusi gli studenti Erasmus iscritti all'Università degli Studi di Milano o al Politecnico di Milano.

Il termine ultimo per l'invio delle immagini è fissato per le ore 23.59 del giorno 10 ottobre 2015.

La proclamazione dei vincitori avverrà durante l'evento "La grande Milano: 10 idee per 100 anni", dedicato ai 100 anni di Città Studi, che si terrà il 9 novembre presso l'Aula Magna dell'Università Statale.

 Scarica il programma dell'evento

 

 

Premi in palio: 2 reflex digitali - destinate alle due migliori foto del challenge - e di 10 compatte per i restanti 10 vincitori, mentre a tutti i 12 premiati un abbonamento annuale a BikeMi.

 

I 12 vincitori del challenge, fra i quali saranno proclamati i primi classificati per le Categorie Classic e Instagram durante l'evento del 9 novembre presso l'Università Statale.

 

Matilde Moro - Università degli Studi di Milano

Categoria Classic - Tema People

 

Carlo Maria Vella - Università degli Studi di Milano

Categoria Classic - Tema City

 

Rosa Cinelli - Università degli Studi di Milano

Categoria Classic – Tema City

 

Carola Battistini - Università degli Studi di Milano

Categoria Classic – Tema Food and Health

 

Enrico Frand-Genisot - Università degli Studi di Milano

Categoria Instagram – Tema Mobility

 

Simone Marchetti - Politecnico di Milano

Categoria Instagram – Tema Environment


Raffaella Migliaccio - Università degli Studi di Milano

Categoria Instagram - Tema Food and Health
 

Francesco Maria Cerri - Università degli Studi di Milano

Categoria Instagram - Tema Energy

 

Giacomo Ravetta - Università degli Studi di Milano
Categoria Classic – Tema Energy

 

Mihails Zuravlovs - Politecnico di Milano

Categoria Classic - Tema Environment

 

Zhipeng Zhang - Politecnico di Milano

Categoria Classic - Tema Mobility

 

Greta Passeri - Università degli Studi di Milano

Categoria Instagram - Tema City



Saranno inoltre assegnate fino a un massimo di 200 menzioni speciali senza tenere conto della divisione in temi e categorie.

Sia le immagini premiate che quelle con menzione speciale saranno esposte in occasione dell'evento di novembre.

Consulta o scarica il Regolamento PDF



Bitride Bike Sharing Call for participants

Bitride Bike Sharing Call for participants

Immagine news

Nell'ambito del progetto Città Studi Campus Sostenibile il Servizio Sostenibilità di Ateneo promuove la sperimentazione, da febbraio 2018, di un nuovo servizio di bike sharing free floating per la città di Milano, basato sulla condivisione di biciclette ibride, nato nell'ambito del progetto Bitride Bike Sharing, sviluppato da Zehus (Zero Emission HUman Synergy, azienda spin off del Politecnico) in collaborazione con il Dipartimento di Design del Politecnico di Milano, AMAT - Agenzia Mobilità Ambiente Territorio del Comune di Milano e Labor.

I partecipanti alla sperimentazione - limitata all'area di Città Studi e ai collegamenti con stazioni ferroviarie e della metropolitana di prossimità - avranno la possibilità di utilizzare in anteprima e in forma gratuita il servizio per un periodo di 3 mesi, contribuendo alla sua messa a punto, prima del lancio ufficiale previsto per Maggio 2018. Riceveranno inoltre un credito corrispondente a circa un anno di utilizzo delle biciclette fruibile dal momento di lancio ufficiale.

 

Chi può partecipare alla sperimentazione?

La Call è aperta alla popolazione del Politecnico di Milano (studenti, dottorandi, docenti, personale tecnico amministrativo, ecc.).

I posti complessivamente disponibili sono 150. 

Partecipare è semplice: basta inviare entro il 15 gennaio 2018 la propria candidatura compilando l'apposito questionario accessibile al sito www.bitride.eu.

Non oltre il 20 gennaio 2018, i candidati riceveranno all'indirizzo mail indicato nel form l'eventuale conferma di partecipazione e le indicazioni inerenti gli step successivi da compiere.

Cosa è richiesto?

Per poter accedere alle biciclette condivise è necessario scaricare l'applicazione Bitride sullo smartphone e registrare l'account.

Inoltre, per migliorare il servizio in vista della prima release saranno richieste le seguenti azioni:

- garantire un utilizzo minimo delle biciclette durante il periodo di sperimentazione;

- compilare due ulteriori questionari, uno all'avvio e uno al termine della sperimentazione;

- compiere alcune "missioni" indicate dagli organizzatori necessarie a testare le funzionalità chiave del servizio;

- partecipare ad un eventuale focus group o intervista al termine della sperimentazione.

A tutti i partecipanti verrà infine richiesta la partecipazione ad una sessione istruttoria di circa 2 ore prevista per fine gennaio 2018, al fine di illustrare il funzionamento delle bici (ogni bicicletta Bitride è dotata di una batteria che assiste nella pedalata, permettendo di risparmiare fino al 40% dell'energia richiesta da una bicicletta tradizionale, ma che, a differenza di una bicicletta elettrica non necessita di stazioni di ricarica), di illustrare inoltre il servizio e condividere gli obiettivi dell'iniziativa.

Per maggiori informazioni inerenti l'iniziativa:

 

Scarica la Call  

 

   

This project has received funding from the European Union's Horizon 2020 research and innovation programme under grant agreement No 756656.

 


Il Politecnico aderisce a Puliamo il Mondo

Il Politecnico aderisce a Puliamo il Mondo

Immagine news

Il Politecnico di Milano aderisce, con i suoi volontari,  a Puliamo il Mondo, la campagna promossa e organizzata da Legambiente, giunta quest'anno alla 25^ edizione e che rappresenta l'equivalente italiano di Clean up the world, il maggior evento di volontariato al mondo.

Venerdì 29 settembre 2017 dalle 09.30 il gruppo di volontari del Politecnico di Milano si dà appuntamento presso il Giardino degli Aromi all'interno dei Giardini Paolo Pini in Via Ippocrate, 45 a Milano.  

Studenti, dottorandi, docenti, tecnici e amministrativi dell'Ateneo, muniti di guanti, cappellino e pettorina,  collaboreranno insieme per la pulizia e riqualificazione degli spazi verdi e degli orti gestiti dalla cooperativa "Il Giardino degli Aromi" presso il parco "Paolo Pini". 

Il Giardino degli Aromi Onlus nasce nel 2003 negli spazi dell'ex Ospedale Psichiatrico Paolo Pini, a partire dall'iniziativa di un gruppo di donne con esperienza di coltivazione e raccolta di piante aromatiche e medicinali. L'associazione oggi conta più di 200 soci e si occupa di accompagnare il reinserimento sociale di persone svantaggiate, svolgendo con loro attività in spazi verdi. Attraverso percorsi di terapia orticolturale, tirocini e forme di accoglienza personalizzate, coloro che partecipano alle attività del giardino degli aromi fanno un'esperienza di studio, osservazione e lavoro con la terra e le piante. Il recupero di un rapporto diretto con il mondo naturale urbano aiuta a ritrovare un equilibrio di pensiero e un ritmo biologico più sereno che è utile a coloro che vivono forme di disagio ma che riguarda in fondo tutti. L'associazione promuove la conoscenza, l'uso e la diffusione di piante orticole, aromatiche e medicinali, supporta la diffusione di esperienze di orti e di giardini comunitari.

Riferimenti Politecnico di Milano
Servizio Sostenibilità di Ateneo
e.mail: serviziosostenibilita@polimi.it

Riferimenti Legambiente 
Ida La Camera
Responsabile volontariato aziendale
Tel. 02 97699314 

Vai alla pagina dell'evento

 


Bitride_Call_Manifesto_A4.png

EU.jpg

BITRIDE.png

Questionario sostenibilità